LOADING

Type to search

Podcast

LA CATTIVA SCUOLA DI RENZI E’ LEGGE. MA LA PROTESTA DEI DOCENTI NON SI FERMA

Share

Notizia scritta il 09/07/15 alle 17:17. Ultimo aggiornamento: 09/07/15 alle: 17:20

BUONA SCUOLALa riforma della pessima-  è stata approvata tra le proteste dentro e fuori dall’aula.

Dentro il Governo ottiene una scontata approvazione, nonostante parte del Pd non abbia votato e le opposizioni in protesta hanno portato anche alla sospensione della seduta. Fuori invece terzo giorno consecutivo di lotta, con tutti i maggiori sindacati (confederali, di base e autonomi) in piazza  per proseguire la mobilitazione diffusa del mondo della formazione, dagli  agli studenti, contro la riforma.

Il governo, il Pd e Renzi “pagheranno pesantemente l’aggressione alla scuola pubblica. Dal primo settembre in ogni scuola ‘barricate’ unitarie per impedire l’applicazione della ” afferma in una nota il portavoce dei  della Scuola , Piero Bernocchi. Con il sì di oggi , aggiunge “la porcata è compiuta”. “Restiamo però assolutamente convinti, pur avendo perso una battaglia importante, di poter vincere la guerra che il governo ha dichiarato alla scuola pubblica. Lo scontro  si intensificherà fin dal Primo Settembre in forme rinnovate, diffuse e profonde.

Tra le strade che si stanno valutando anche la possibilità di fare un ricorso alla Corte costituzionale contro la chiamata dei docenti da parte dei presidi manager, i ricorsi al Miur dei docenti precari aventi diritto, ma esclusi dalla maxi stabilizzazione annunciata.

Il commento di Annagrazia Stammati, cobas scuola. Ascolta o scarica.