LOADING

Type to search

Comunicati Cobas

IL 23 OTTOBRE È SCIOPERO GENERALE

Share

Confederazione Cobas

IL 23 OTTOBRE È SCIOPERO GENERALE

Confederazione Cobas, Cub e SdL hanno indetto uno sciopero generale di 24 ore di tutti i lavoratori pubblici e privati per il 23 ottobre.

Le organizzazioni di base ritengono indispensabile una forte risposta alla valanga di

licenziamenti in corso, ai massicci tagli alla scuola pubblica con l’espulsione in massa dei precari, alla

chiusura di aziende, alla ipotesi di gabbie salariali e all’attacco al contratto nazionale che, nella

ritrovata unità dei sindacati concertativi, lascia solo il sindacalismo di base a difenderne il carattere

unitario e solidaristico; al tentativo in corso di rendere i lavoratori subordinati ai destini delle aziende,

alla xenofobia e al razzismo che il governo sta spargendo a piene mani.

Generalizzare ed unificare le lotte in corso nella scuola, nelle fabbriche, nelle aziende e negli uffici,

sono quindi gli obbiettivi immediati dello sciopero generale che si preannuncia già grande e

partecipato. La articolata piattaforma dello sciopero rappresenta un ampio ed esauriente programma

sul quale costruire mobilitazione, lotta, organizzazione e consenso, fornendo un alternativo e concreto

strumento in mano ai lavoratori/trici, richiedendo il blocco dei licenziamenti e la riduzione dell’orario

di lavoro a parità di salario; aumenti consistenti di salari e pensioni, introduzione di un reddito

minimo garantito per tutti/e; aggancio dei salari e pensioni al reale costo della vita; cassa

integrazione almeno all’80% del salario e reddito per i lavoratori ” atipici”, con mantenimento del

permesso di soggiorno per gli immigrati/e; abrogazione della Bossi-Fini e del pacchetto sicurezza;

sostegno delle energie rinnovabili, del risparmio energetico, del riassetto idrogeologico e contro il

nucleare, la privatizzazione dell’acqua e l’incenerimento dei rifiuti;messa in sicurezza dei luoghi di

lavoro, delle scuole, dei trasporti, rifiutando la riduzione delle sanzioni per chi causa morti del lavoro,

gravi infortuni, malattie professionali; contro i tagli di posti, classi e orari nella scuola pubblica e

contro la legge Aprea; assunzione a tempo indeterminato dei precari e reinternalizzazione dei

servizi;investimenti in un milione di alloggi popolari, tramite utilizzo di case sfitte e ristrutturazione e

requisizioni del patrimonio immobiliare, blocco degli sfratti, canone sociale per i bassi redditi; diritto

di uscita immediata per gli iscritti/e ai fondi-pensione chiusi; contro l’aumento dell’età pensionabile

per le lavoratrici della P.A.; ritiro della riforma Brunetta; difesa del diritto di sciopero; fine del

monopolio oligarchico di Cgil-Cisl-Uil sulla rappresentanza e i diritti sindacali, contro la pretesa

padronale di scegliere le organizzazioni con cui trattare; pari diritti per tutte le organizzazioni dei

lavoratori, rappresentanza elettiva democratica sui posti di lavoro e a livello regionale/nazionale

.Roma, 11 settembre 2009

CUB Pierpaolo Leonardi – Walter Montagnoli info 06762821 022666289

Confederazione Cobas Piero Bernocchi info 0670452452

SdL intercategoriale Fabrizio Tomaselli info 0659640004

Confederazione Cobas – Cub – SdL intercategoriale