LOADING

Type to search

Bernocchi nella stampa italiana (2000-2018)

ARTICOLI del 2011

Share

COBAS, NON SOLO MECCANICI…
di Piero Bernocchi Il Manifesto 9/01
I COBAS CONVOCANO LO SCIOPERO GENERALE
Orizzonte Scuola 10/01
LA VITTORIA DI PIRRO-MARCHIONNE
Il Pane e le Rose 19/01
VENERDI 28 SCIOPERO DEI COBAS
Tuttoscuola 26/01
DIRITTI E CONTRATTO
di Rosaria Amato La Repubblica.it  27/01
E I SINDACATI DI BASE CHIEDONO…
di Roberto Farneti Liberazione 28/01
STUDENTI, PRECARI E OPERAI NELLO SCIOPERO COBAS
Ami Agenzia multimediale 28/01
PROVE INVALSI, NO DEI COBAS
Tecnica della Scuola 30/01
SINDACATI DI BASE IN PIAZZA
Micromega 31/01
SI’ AI DIRITTI, NO AI RICATTI…
di Anna Maria Bruni Micromega Repubblica.it 31/01
TEST INVALSI ALLE SUPERIORI
Il Messaggero 18/03
REFERENDUM: COBAS IN PIAZZA…
Agenzia Asca 24/03
PROVE INVALSI: COBAS CONTRARI… 
di R. P. Tecnica della Scuola 4/04
COBAS: TORNA LO SCIOPERO DEGLI SCRUTINI
Tecnica della Scuola 13/04
COBAS: LE PROVE INVALSI? UN INSULTO
Tecnica della Scuola 19/04
IL 13 DOCENTI E STUDENTI CONTRO I QUIZ
Blitz Quotidiano 6/05
SCUOLA, PROF. VERSO IL BOICOTTAGGIO
La Repubblica 9/05
PARTE LA PROTESTA CONTRO IL TEST…
di Giovanna D’Ambrosio Ami Agenzia Multimediale Italiana 10/05
PROVE INVALSI TRA PROTESTE…
Il Sole 24 Ore 10/05
LA FOBIA DEI COBAS…
di Giovanni Belardinelli Il Corriere della Sera 10/05
TEST INVALSI: IL BOICOTTAGGIO COBAS
Tuttoscuola 10/05
TEST INVALSI ALLE SUPERIORI
La Repubblica.it  10/05
VIA AI TEST INVALSI…
di Lorenzo Salvia Il Corriere della Sera 10/05
TEST INVALSI, BOICOTTAGGI E PUNIZIONI
di Lorenzo Salvia Il Corriere della Sera 11/05
PROF. E STUDENTI BOICOTTANO
Il Manifesto 11/05
SCUOLA: COBAS A GIUGNO SCIOPERO
Agenzia Asca  13/05
GENOVA E I NO GLOBAL…
di Carlo Bonini La Repubblica 18/05
BERNOCCHI: IL RUOLO DEI COBAS…
TuttoScuola 18/05
SCRUTINI DI FINE ANNO A RISCHIO
La Repubblica.it  29/05
I COBAS A FIANCO DEL POPOLO NO-TAV 
Il Pane e le Rose 4/06
IL 14 GIUGNO MANIFESTAZIONE GLOBALE
Tuttoscuola 13/06
INDIGNATI E FESTOSI PER IL SI’
Liberazione 14/06
DALLA VITTORIA REFERENDARIA…
di Piero Bernocchi www.cobas-scuola.it 14/06
A ROMA MANIF. COBAS SOTTO IL MINISTERO La Stampa.it  14/06
MIUR, SIT-IN DEI COBAS La Reppubblica.it e Sky 14/06
SCIOPERO DEGLI INSEGNANTI… La Repubblica.it  14/06
GRIGLIE CORREZIONE TEST SBAGLIATE Agenzia Asca  21/06
LA PAGLIACCIATA DEI QUIZ INVALSI Il Pane e le Rose 21/06
COBAS: AGGRESSIONE A FREDDO L’Unità  22/06
DAVANTI A MONTECITORIO LA POLIZIA… La Repubblica  23/06
I COBAS PASSANO ALLE UOVA Il Riformista 23/06
BERNOCCHI: IERI MAGNIFICA GIORNATA DI LOTTA Agenzia Asca 4/07
GENOVA DIECI ANNI DOPO   di Raffaella Bolini Quarto Stato 10/07
DA GENOVA ORA POSSIAMO RIPARTIRE Corriere Mercantile 24/07
G8, CINQUANTAMILA IN PIAZZA… di Massimo Calandri La Repubblica 24/07
LA RIVINCITA DEI NO- GLOBAL La Repubblica 24/07
GENOVA: RELAZIONE DI P. BERNOCCHI Unicobas Piemonte 15/08
LETTERS The Guardian  7/09
SASSAIOLE, FUMOGENI… di Ernesto Menicucci Il Corriere della Sera 8/09
SCONTRI DAVANTI A MONTECITORIO La Repubblica 8/09
15 OTTOBRE, IL POPOLO ANTI-CRISI IN MARCIA di Piero Bernocchi www.cobas.it  11/10
INDIGNATI COBAS. A ROMA ARRIVERA’…
TM News 11/10
ROGHI, SACCHEGGI E SCONTRI…
di Marco Imarisio Il Corriere della Sera 16/10
GLI INDIGNATI SMARRITI…
di Marco Imarisio Il Corriere della Sera 17/10
BERNOCCHI: L’OBIETTIVO DEGLI SFASCIAVETRINE?
di Giacomo Russo Spena Micromega.it 18/10
LO SCONCERTO DEGLI INDIGNATI
Europaquotidiano.it 18/10
TRA GLI ANTAGONISTI VOLANO GLI STRACCI
di Fabrizia Bagozzi Europa quotidiano 19/10
COBAS: DALLA RETE DEI COMUNISTI UN IGNOBILE…
www.giovanicomunisti.it  25/10
INDIGNATI, IL CORTEO DI NIZZA…
di Ferruccio Sansa Il Fatto Quotidiano  2/11
IL CORTEO ANTI-G20 A NIZZA…
di Francesco Bonazzi La Stampa 2/11
OLTRE CENTOMILA STUDENTI E LAVORATORI…
www.orizzontescuola.it 17/11
AGLI STUDENTI NON PIACE…
di Roberto Ceccarelli Il Manifesto 17/11
LA SFIDA DEI BOOK BLOC
Il Corriere della Sera  17/11
OLTRE 100 MILA STUDENTI E LAVORATORI…
Orizzonte Scuola 21/11
TRA IL COBAS BERNOCCHI E QUEL RAGAZZO…
di Malcom Pagani Il Fatto Quotidiano 21/11
A PROPOSITO DELL’ARTICOLO DI BERNOCCHI…
Il Pane e le Rose 24/11
I COBAS DOMANI A ROMA
Comunicato Stampa   25/11

28 gennaio    In contemporanea si svolge lo sciopero generale di tutte le categorie convocato dai COBAS e quello dei metalmeccanici indetto dalla FIOM, contro gli accordi FIAT, i tagli di personale nella scuola, il blocco dei contratti nel Pubblico Impiego. 16 manifestazioni regionali in tutta Italia, a Roma 15 mila in piazza.
10-11 maggio    Sciopero indetto dai COBAS contro l’effettuazione dei quiz Invalsi.
9-17 giugno  I COBAS convocano lo sciopero degli scrutini per regioni, a rotazione (due gg. consecutivi per regione), contro il taglio degli organici, il blocco dei contratti, per la restituzione degli scatti di anzianità e l’assunzione dei precari. il 14 manifestazione al MIUR.
13 giugno    Il referendum per la pubblicizzazione dell’acqua pubblica e dei servizi territoriali e contro il ritorno del nucleare vince con il 57% dei partecipanti al voto e un plebiscito tra i votanti del 95%. I COBAS danno un significativo contributo pratico in buona parte delle province, nonché un contributo teorico con Bernocchi che sistematizza una strategia “benicomunista”, introducendo un termine e una impostazione, oltre il comunismo novecentesco, che poi svilupperà nei suoi testi degli anni successivi, Benicomunismo e Oltre il capitalismo.
22 giugno Manifestazione dei COBAS a Montecitorio durante l’intervento alla Camera di Berlusconi, con scontri con la polizia.
19-24 luglio   Decennale dell’anti-G8 del 2001 a Genova con un vasto arco di iniziative, seminari, Forum, un corteo il 23 e una Assemblea internazionale conclusiva. Forte presenza COBAS con numerosi seminari internazionali, su Scuola, Lavoro, Europa e Mediterraneo-Maghreb, sindacalismo alternativo, Energia e ambiente. Il 23, 50 mila persone in corteo, i COBAS sono l’organizzazione più presente. Molto partecipata l’Assemblea finale sulle iniziative europee dell’autunno: Bernocchi la presiede e presenta le proposte tra le quali il varo della Rete Italiana per il FSM e una giornata di manifestazioni “indignate” in tutta Europa il 15 ottobre.
6 settembre Al Senato viene votata la fiducia alla manovra finanziaria, che è approvata. Manifestazione di COBAS e Usb che viene caricata dalla polizia mentre si avvia verso Palazzo Grazioli e Montecitorio.
14 settembre  Anche alla Camera viene approvata la fiducia alla Finanziaria del governo. Ancora una volta la manifestazione di protesta indetta da COBAS e Usb viene caricata dalla polizia.
7-14 ottobre   Grande tensione intorno alla preparazione della manifestazione nazionale “indignata” che si svolgerà a Roma il 15 ottobre nel quadro della mobilitazione europea, partita durante l’Assemblea europea di luglio a Genova e amplificata dal movimento degli “indignados” spagnoli. La manifestazione è promossa dal Coordinamento 15 ottobre che comprende un centinaio di organizzazioni, centri sociali, sindacati, partiti, al cui interno però ci sono forti polemiche sia sulle modalità del corteo (una parte intende “assediare i palazzi del Potere”) sia perché alcune aree ne accusano altre di “collusione” con la sinistra istituzionale. Tali polemiche stanno attirando la partecipazione di aree intenzionate a far saltare presunti progetti “neoistituzionali” rendendo ingestibile il corteo stesso. I mass-media soffiano sul fuoco annunciando gravi incidenti in arrivo.
15 ottobre  La partecipazione al corteo, prevista intorno alle 50 mila persone, supera di gran lunga ogni aspettativa. Ma le circa 200 mila persone in piazza fanno saltare tutti gli schemi organizzativi e anche le strutture di “autotutela” messe in campo. E fin dall’inizio questo consente grande libertà d’azione agli “sfasciavetrine” e “sfasciacarrozze”, come li definirà nelle dichiarazioni pubbliche Bernocchi, di frantumare ripetutamente l’immenso corteo e di impedirne la pacifica conclusione a P. S. Giovanni. Il resto lo fa la polizia che carica sconsideratamente proprio nella piazza dove una parte del corteo era comunque rrivata; e finisce con roghi di furgoni della polizia, di auto e cassonetti, vetrine sfasciate, feriti e arresti. Nessun “assedio ai palazzi del Potere”, l’unico “assalto” ha colpito le forze che avevano voluto il corteo pacifico e che non sono riuscite – neanche i COBAS, che sono stati gli unici, per riconoscimento generale, ad averci provato – ad impedire lo sfascio dell’enorme corteo. Nel resto dell’Europa centinaia di cortei pacifici.
16-20 ottobre   Fortissime polemiche sulla stampa e all’interno del Coordinamento 15 ottobre  contro coloro che hanno aperto le porte agli “sfasciacarrozze”. Particolarmente “esposti” i COBAS e i Disobbedienti che più si sono battuti per salvaguardare il corteo; e sul piano personale Bernocchi, autore di una durissima polemica con le forze che hanno provocato (o non contrastato) lo sfascio, ricevendone di contro pesanti insulti e minacce. Il Coordinamento si scioglie, ponendo fine ad una promettente e amplia alleanza sociale, sindacale e politica, che aveva suscitato notevoli speranze e partecipazione anche tra i giovani “indignati/e”.
1 novembre  A Nizza manifestazione europea contro il vertice del G20, diecimila in corteo. Pochissimi gli italiani/e, non più di un centinaio, dopo il trauma collettivo del 15 ottobre a Roma I COBAS sono comunque presenti con una delegazione.
17 novembre   Il nuovo governo di “intesa nazionale”, capitanato da Monti, che succede al governo Berlusconi dimissionario, ottiene la fiducia al Senato, di fronte al quale manifestano migliaia di studenti e COBAS, che poi si dirigono in corteo all’Università. Altre manifestazioni di protesta si svolgono in 60 città.

Previous Article
Next Article

Next Up