LOADING

Type to search

Bernocchi nella stampa italiana (2000-2018)

ARTICOLI del 2010

Share

SCIOPERI CGIL E COBAS IN ARRIVO
Tecnica della Scuola 20/01
COBAS IN PIAZZA IL 12 MARZO
Il Manifesto 21/01
IO SPERIAMO CHE IMPARO
di Rocco Vazzana Left  29/01
SCUOLA, SI ALLA RIFORMA
La Repubblica.it 4/02
I COBAS ADERISCONO ALLO SCIOPERO
Il Manifesto 7/02
CON I COBAS IL 12 MARZO
Comunicato Stampa 10/03
LA SCUOLA VA IN PIAZZA…
di Fr.Pi. Il Manifesto 12/03
QUI COMINCIA IL RISVEGLIO DELLA SCUOLA PUBBLICA
di Francesco Piccioni Il Manifesto 13/03
TERMINATO CORTEO COBAS, MA…
Apicom  12/03
PROF. IN RIVOLTA
Il Mattino 11/04
COBAS: SCIOPERO DEGLI SCRUTINI
Agi 12/04
SCIOPERO SCRUTINI: E’ LEGALE
Tecnica della Scuola 18/04
DA PANTALEO INNO AL CRUMIRAGGIO
Virgilio Notizie 10/05
COBAS IN PIAZZA IL 5 GIUGNO
Agenzia Asca 27/05
SI VA VERSO I 25 MILA SCRUTINI…
Comunicato Stampa 15/06
TREMONTI FA IL GERARCA
Comunicato Stampa 3/06
AUTORIZZATO IL CORTEO
Comunicato Stampa  4/06
DAL 7 AL 15 GIUGNO SCIOPERO…
Comunicato Stampa 7/06
USB E COBAS: UNA MANOVRA DI CLASSE
Il Manifesto 5/06
UN PRIMO PASSO IN UN MESE DI LOTTE
di Francesco Piccioni Il Manifesto 6/06
SCUOLA: SCIOPERO SCRUTINI
Agenzia Asca 10/06
SCUOLE SCRUTINI BLOCCATI…
di Salvo Intravaia La Repubblica 12/06
SCUOLA OKKUPATA
Sky.it 15/06
PROFESSORI CONTRO LA MANOVRA
Il Manifesto 15/06
COBAS: ABBIAMO BLOCCATO…
Agenzia Asca 17/06
COBAS: 25 MILA SCRUTINI…
Tuttoscuola 18/06
IL 6 LUGLIO LA MANOVRA IN AULA
Orizzonte scuola 5/07
SIT-IN DEI COBAS AL SENATO
Il Messaggero 6/07
SETTEMBRE CALDISSIMA…
La Nuova Sardegna 13/07
COBAS CONTRO “MISERIA”
Agenzia Asca 13/09
SCUOLA, LA PROPOSTA DEI COBAS…
Agenzia Asca 15/09
COBAS, SCIOPERO GENERALE…
Tuttoscuola 15/09
I COBAS TENTANO IL COMPATTAMENTO…
di A. G. Tecnica della Scuola 16/09
BERNOCCHI, IL 15 OTTOBRE SCIOPERO
Adnkronos 30/09
SCUOLA: COBAS IL 15 OTTOBRE…
Agenzia Asca 13/10
COBAS IN PIAZZA CONTRO LA RIFORMA
Il Sole 24 ore 15/10
COBAS SCUOLA, LA RIVOLUZIONE D’OTTOBRE
di Gioia Salvatori L’Unità 16/10
SCUOLA, PROTESTE IN TUTTA ITALIA
La Stampa.it  16/10
COBAS IN PIAZZA CONTRO LA RIFORMA
Il Sole 24 ore 16/10
A ROMA DOCENTI E STUDENTI CON I COBAS
Liberazione 16/10
I FANTASMI RIBELLI DI UN BENE COMUNE
di Ro. Ci. Il Manifesto 16/10
LA PROTESTA IN TUTTA ITALIA…
La Repubblica.it 16/10
SCUOLA, COBAS ADERITO A SCIOPERO IL 30%
Agenzia Asca 16/10
SCUOLA, COBAS, DOMANI MANIFESTAZIONE
Agenzia Asca 29/11

29-31 gennaio  Assemblea Preparatoria Europea (EPA) a Berlino verso il 6° Forum Sociale europeo di Istanbul. La partecipazione è decisamente maggiore rispetto alle ultime EPA, almeno 150 persone. Oltre ad entrare nel merito delle Assemblee tematiche e della Assemblea finale, c’è molta discussione sul peso che il conflitto curdo-turco debba avere nel FSE. Vistosa resistenza dei turchi nel prendere una posizione chiara sull’argomento.
12 marzo   Sciopero generale della scuola indetto dai COBAS in contemporanea con uno sciopero generale di 4 ore indetto dalla Cgil (ma nella scuola anche per loro si sciopera tutta la giornata). I COBAS scioperano contro la riforma Gelmini, i tagli di decine di migliaia di posti di lavoro, il decreto Brunetta, il disegno di legge Aprea. Partecipazione intorno al 30%, a Roma corteo nazionale con circa 30 mila persone.
21-23 maggio  Ultima EPA prima del FSE di Istanbul, che si tiene nella capitale turca. Ancora divergenze sul ruolo dei kurdi nel FSE, e notevoli preoccupazioni sui ritardi organizzativi, in particolare per quel che riguarda le sale, le cabine per le traduzioni e i traduttori/trici.
5 giugno   Manifestazione nazionale contro la Finanziaria anticipata, i tagli di 41 mila posti di lavoro nella scuola, il blocco dei contratti e l’innalzamento dell’età pensionabile, indetta da COBAS e Usb, con 5 mila in corteo sotto il Ministero dell’Economia e Tesoro. Lo striscione che apre il corteo recita: “La crisi va pagata da chi l’ha provocata”.
7-15 giugno   Sciopero degli scrutini per dieci giorni, a staffetta (due giorni ciascuna) tra gruppi di regioni. Almeno 25 mila scrutini bloccati, l’ultimo giorno manifestazione spettacolare al Colosseo con uno striscione calato dgli spalti e grande interesse per i turisti.
30 giugno-4 luglio  A Istanbul si svolge il 6° Forum Sociale Europeo e, come era apparso chiaro nella preparazione, in un pesante caos organizzativo. Non ci sono le cabine per le traduzioni, se non in pochissime sale, e si procede con traduzioni “in consecutiva”. Il numero di iscritti/e è minimo, non più di 3000, un decimo delle precedenti edizioni. Le strutture che gestiscono (gruppi m-l “anticapitalisti” e un paio di sindacati “radicali”) non hanno un peso significativo in Turchia: insomma, un Forum “gruppettaro”, in cui agli organizzatori interessano solo le loro assemblee “di area”. Grande centralità per i COBAS che gestiscono 12 seminari più varie Assemblee tematiche e, tramite Bernocchi alla presidenza, anche l’Assemblea finale. La proposta di mobilitazione centrale che ne emerge riguarda iniziative europee nei giorni intorno alla manifestazione della CES del 29 ottobre. Il corteo finale di 6-7 mila persone è aperto dalla delegazione COBAS:
6 luglio   Con largo anticipo la Finanziaria va in Aula al Senato per il voto. Sit-in di fronte al Senato dei COBAS con alcune centinaia di persone contro il blocco dei contratti e degli scatti di anzianità, il taglio di 41 mila posti di lavoro nella scuola, l’innalzamento dell’età pensionabile.
13 settembre  Manifestazione al Ministero PI di COBAS e precari/e contro i tagli di posti di lavoro nella scuola.
15 ottobre   Sciopero generale della scuola indetto da COBAS, Usb e Cub contro la riforma Gelmini, i tagli di 140 mila posti di lavoro in 3 anni e la non-stabilizzazione dei precari/e. Corteo docenti-studenti ed Ata (ma a larga maggioranza studentesco) dal Ministero a Porta San Paolo con diecimila persone. Altre 12 manifestazioni regionali, in tutto circa 80 mila in piazza nella giornata.
23-24 ottobre   A Parigi prima EPA dopo il FSE di Istanbul. Clima molto critico nei confronti dell’ultima edizione e scarsa partecipazione, 70-80 persone. Alcuni interventi ritengono che l’esperienza del FSE si sia oramai esaurita. Divergenze anche nella delegazione italiana: Bolini e Mecozzi propongono che prima di procedere con nuovi Forum si discuta con le varie Reti europee per valutare se il modello interessa ancora o se può essere sostituito da strutture più condivise. In disaccordo Bernocchi il quale sostiene che in questo modo si procede ad una tacita chiusura del FSE che certo ha risentito della scelta di due sedi deboli nelle due ultime edizioni ma che può essere “rianimato” scegliendo un paese dell’Est per la prossima edizione. Nessuna decisione finale.
30 novembre   La legge Gelmini per l’Università va in Aula alla Camera. Manifestazioni contrarie in tutta Italia gestite in prevalenza dagli studenti universitari. A Roma un corteo di 5 mila studenti gira per il centro di Roma, subendo una serie di cariche dalla polizia.

Previous Article
Next Article

Next Up